Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne clicca su:

PERSONALE di Catello Iovino

 

 

Catello Iovino nasce nel 1990 a Castellammare di Stabia frequenta l’istituto d’arte F. Grandi di Sorrento. Frequenta alcuni centri di riabilitazione del territorio.

Nel 2014 inizia un percorso personalizzato che vede coinvolti a domicilio alcuni professionisti della relazione di aiuto. E’ in questo periodo che si riavvicina all’espressione artistica, in particolare alla pittura, riproponendo alcuni topoi che rappresentano la sua cifra stilistica: macchine della polizia, forze dell’ordine, personaggi grandissimi.

Attraverso l’aiuto di un esperto della relazione a mediazione artistica, Catello si affaccia al femminile, e alla produzione pittorica di personaggi da lui inventati. Gratta Free, Gasmella Darci, Girgianno e Girgiorro sono solo alcuni dei lavori terminati dall’artista.

Il percorso intrapreso nell’ultimo periodo ha visto Catello lavorare con il colore senza usare i pennelli: tutte le opere realizzate in questo periodo sono state fatte “ a mano” evitando la mediazione di pennelli, spatole e tutti quelli strumenti deputati alla pittura.

I quadri realizzati in questo periodo, una trentina, saranno esposti a Castellammare di Stabia presso l’Associazione Culturale Myo in via Santa Caterina 43, in pieno centro storico stabiese.

La mostra nata dalla collaborazione dell’Adv I Vesuviani di Torre del Greco e l’Aps Myo di Castellammare di Stabia punta a valorizzare le persone con bisogni speciali, portare attraverso la cultura un segno di cambiamento e di rinascita in un tessuto sociale molto difficile.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 27 aprile al 27 maggio. Sabato 16 maggio alle ore 20.30 ci sarà l’artista che parlerà con il pubblico del suo percorso artistico e personale.

 

Eventi Natalizi - il Real Vico alle Terrazze

 

 Il 22 dicembre, sempre alle 16,30, saranno giovani atleti della Real Vico Equense Calcio a portare un’altra ondata di gioia a villa delle Terrazze.  Oltre a brindare insieme consegneranno dei regali per sostenere le iniziative del centro geriatrico:  colori e materiali per i loro quadri, insieme a palloni in spugna per gli esercizi fisici. “Noi ogni anno – spiega Giovanni Macera allenatore della squadra -  cerchiamo sempre di avvicinare i nostri giovani alla vita reale, e diventare anziani è parte della vita, tutti abbiamo genitori e nonni, questo momento può far pensare un po’ di più alle persone che diventano anziane, a valorizzarle. Festeggiare con gli anziani è un gesto semplice che sensibilizza tutti soprattutto chi lo compie. I nostri ragazzi arrivano da situazioni familiari diverse e colorate, andare a trovare anziani è per farli stare bene, in quel momento apparentemente aiuta loro ma anche tutti noi”.  Per l’occasione ci sarà anche il comitato di medicina dello sport dell’Asl Napoli 3 Sud e il suo presidente, il direttore sanitario dell’Asl Giuseppe Russo. 

L'incontro è stato intenso ed allegro. Abbiamo tutti partecipato ad un momento di festa e di solidarietà! Grazie ragazzi!

per le immagini clicca qui

Eventi Natalizi - Festa di Natale 2014

Si respira aria di Natale solidale a Villa delle Terrazze, centro geriatrico dell’Asl Napoli 3 Sud, di Torre del Greco: la struttura apre le sue porte per due momenti di festa. Il 17 dicembre con l’annuale incontro natalizio che coinvolge parenti, amici e chi voglia trascorrere ore in compagnia di attivi anziani ospiti del centro.  Il 22 dicembre invece, una visita speciale: i ragazzi della squadra del Real Vico Equense Calcio vengono a portare regali e a brindare a villa delle Terrazze. 

 Il primo è un appuntamento attesissimo dagli ospiti della struttura: a partire dalle 16,30 i loro familiari e amici, gli operatori della cooperativa Nuova Sair e del consorzio Confini, i volontari dell’associazione I Vesuviani, tutti insieme trascorrono festeggiano insieme. Una dimensione  aperta a chiunque voglia regalare squarci di serenità, di normalità e di gioia a chi vive nel centro, e conoscere così una struttura dove gli anziani non sono solo “parcheggiati” ma vivono stimolati in laboratori di tangoterapia, di pittura, di scultura.  La serata si trascorre tra spumante e panettone, tra la classica tombolata e la musica regalata dalla chitarra di Raimondo Esposito e il mandolino di Toto Toralbo. In questa occasione vengono anche esposti i lavori realizzati dagli anziani hanno realizzato per l’occasione nel loro laboratorio artistico: dei vasi in cartapesta. “Il percorso creativo che proponiamo – racconta Luca Belfiore, educatore di Villa delle Terrazze – è sempre ispirato a stimolare, sollecitare, dare un valore a ogni singola persona che vive a Villa delle Terrazze. Ad esempio per i vasi che abbiamo creato la colla è un materiale che collega, che mira a rinsaldare fratture e iati, interruzioni sia relazionali che mnestiche. Il vaso ha come fine ultimo il dare forma a un vuoto di memoria, relazionale o psicologico che sia. Il colore invece è usato come linguaggio immediato e non filtrato dal registro logico. Natale, con la sua festa, è un’occasione per regalare momenti di inclusione a questi anziani che indubbiamente possono esprimere il loro valore e la loro ricchezza”. 

 

 

 

Ecco alcune immagini e momenti della festa di Natale che si è svolta con il consueto successo di partecipazione sentita.  A tutti un particolare ringraziamento!

per le immagini clicca qui

2014 Cenando sotto un cielo diverso

 

 

photoblog dell'evento: clicca qui.

 

28 settembre, Lettere, Castello Medioevale dalle ore 19

Il ristorante Nonna Giulia e l’associazione Tra cielo e mare in collaborazione con le associazioni I Vesuviani, I disabili di Gragnano, Slow food, gli Amici della Tammorra

presentano

CENANDO SOTTO UN CIELO DIVERSO

Piatti d’autore, musica, mostre, prodotti tipici  per abbattere i muri della diversità

 

Sapori tipici, bellezza del territorio e solidarietà sono gli ingredienti di Cenando sotto  un cielo diverso, , l’evento socio-enogastronomico che si tiene il 28 settembre (dalle ore 19) presso il Castello medioevale di Lettere organizzato dal Ristorante Nonna Giulia e dall’associazione Tra cielo e mare, che operano a sostegno dei giovani con disagio psichico. La serata, realizzata con il contributo dell’ associazione di volontariato I Vesuviani, attiva nel sostegno agli anziani, dell’associazione I disabili di Gragnano, impegnata nel sostegno dei non udenti, di Slow food condotta dei Monti Lattari e dell’associazione Gli amici della Tammorra, intende valorizzare il territorio, i suoi prodotti tipici ma soprattutto, attraverso la convivialità del cibo, rappresentare un momento di integrazione con chi vive una dimensione considerata “altra”. Chef di alto livello proporranno dei piatti d’eccezione aiutati da collaboratori “diversi”, giovani o anziani, che vivono delle fragilità.

L’idea di fondo della manifestazione è dare valore ai saperi e ai sapori del territorio e nello stesso tempo abbattere i muri che relegano in luoghi solitari chi vive ai margini, per problemi di demenze, di disagio, di malattie invalidanti.

 

Con il patrocinio morale del comune di Lettere, dell’Asl Na 3 Sud, dell’Ambito Sociale 32 la serata avrà come ospiti d’eccezione prestigiosi chef che offrono gratuitamente il loro sostengo, dando "sapore" alla serata: si tratta di Pietro Calabrese ( Ristorante O funtanier - Lettere), Giulio Coppola (la Galleria –Gragnano),  Michele de Martino (Evu- Vietri sul Mare), Alberto Fortunato (la Bettola del gusto – Pompei), Rosario Izzo (Napoli 1820- Mergellina), Gennaro Longobardi  (Nonna Giulia- Lettere), Lorenzo Montoro (Osteria al Paese - Nocera Inferiore), Pietro Parisi (Era Ora - Palma Campania), Cristoforo Trapani (Piazzetta Milù- Castellammare di Stabia), Francesco Vorraro (Braceria bifulco- Ottaviano).

Per assaggiare tre dei piatti creati dai noti chef e un calice di vino il biglietto è di 5 euro. Il ricavato sarà completamente devoluto alle associazioni di volontariato partecipanti. Vengono inoltre esposti prodotti tipici di aziende selezionate da Slow Food condotta Monti Lattari. Il tutto allietato dai ritmi e balli folkloristici degli Amici della Tammorra.

 

Accanto alla musica e ai sapori il castello medioevale è lo straordinario scenario per una mostra che ospita quadri creati proprio dai autori “diversi”: espressioni artistiche dei ragazzi che partecipano alle attività dell’associazione Tra cielo e mare di Lettere e degli anziani che vivono la propria arte nel laboratorio I Vesuviani inserito nella struttura geriatrica Villa delle terrazze di Torre del Greco. In questa struttura dell’Asl Na 3 per anziani l’associazione I Vesuviani sostiene momenti di arteterapia, musicoterapia creando poetici capolavori, come gli strumenti musicali, realizzati con materiale di riciclo all’interno del progetto Music’amo, esposti durante la serata. Sempre nel castello vengono proiettati a ciclo continuo filmati dei I Vesuviani che raccontano la creatività e la bellezza di un mondo normalmente relegato nella non curanza e i video del SERT di Castellammare di Stabia.

 

Per informazioni 081-8022101   cell.333-3455623